Nato a Gazzaniga 56 anni fa, sposato con un figlio, assistente in Telecom Italia dal 1982 e ora prossimo alla pensione, Manuelo Chiodi è il nuovo comandante del distaccamento dei Vigili del Fuoco volontari di Gazzaniga, una delle unità operative più importanti della provincia di Bergamo. Il comando è stato assunto dallo scorso 1° novembre. Subentra al fratello minore Michele Chiodi che, dopo soli 11 mesi dalla sua nomina a comandante, è stato chiamato a Roma per partecipare al corso di formazione al termine del quale diventerà vigile del fuoco permanente.
Un passaggio di testimone all’interno della famiglia Chiodi, quindi. Infatti, il distaccamento dei Vigili del Fuoco volontari di Gazzaniga può vantare fra le sue fila ben cinque vigili del fuoco provenienti dal nucleo famigliare dei Chiodi: il padre Giampietro, i figli Manuelo, Raffaello, Cinzia e Michele.
Da segnalare che il nuovo capo–distaccamento ha già ricoperto questa carica dal 2003 al 2010, quando passò la mano a Piero Camozzi, a sua volta sostituito da Michele Chiodi nel dicembre 2015.
Era proprio il 2003, quando subentrò al comandante Perini, dopo la sua scomparsa, su invito del comando generale, che gli aveva chiesto la disponibilità a reggere il comando di Gazzaniga. E Manuelo, allora, non ci mise molto ad accettare. Del resto, come ha fatto adesso, a causa dell’impossibilità del fratello Michele a continuare in questo delicato incarico, per la chiamata nella capitale.
Manuelo, per la cronaca, ne ha fatta di gavetta fra i “pompieri”. Iniziò molto giovane, appena ventenne, mentre ora sono ben 35 gli anni di carriera, o meglio di attività, peraltro svolta sempre con grande passione. La sua nomina è il frutto di una “elezione” avvenuta fra i 28 vigili del fuoco volontari del distaccamento di Gazzaniga, una nomina che è stata formalmente ufficializzata dal comandante provinciale di Bergamo Fabrizio Piccinini.

PS