Monsignor Daniele Rota ad Albino

 

E’ grande onore di ogni piccolo paese poter vantare tra i propri figli personaggi illustri. Monsignor Daniele Rota alcuni anni fa scrisse una pubblicazione sul Cardinal Commendone dimostrando grande attenzione sulla figura e sulle opere di questo porporato che, benché presto dimenticato dai più, fu una delle personalità di maggior rilievo nel Cinquecento. C’è da sottolineare che, anche se nato a Venezia nel 1523 e morto a Padova nel 1584, egli aveva radici bergamasche. Questo lo dimostra l’opera scritta dal professor Monsignor Daniele Rota: un manoscritto della fine del Settecento che traccia la storia della famiglia Signori

 

e identifica i genitori del porporato in Antonio Signori o Commendone, medico e filosofo, e Laura Barbarigo.

Non sto a tracciare la storia del nostro Cardinale, anche perché è già un po’ nota a noi di Comenduno, ma si vorrebbe rendere più conosciuto e popolare questo personaggio che i grandi del nostro tempo hanno esaltato.

Come già detto, nel giugno 1983 viene scritto un volume sulla storia di questo Cardinale da parte di Monsignor Daniele Rota, sacerdote bergamasco nato nel 1931 e prete dal 1955, prelato d’onore di Sua Santità, canonico onorario della basilica di S. Pietro e protonotario apostolico. Monsignor Rota è un apprezzato studioso, ex insegnante nel collegio di S. Alessandro ed ex preside del Seminario di Bergamo, e in virtù di questa sua attività ha prodotto nel corso della sua carriera molti studi e approfondimenti su numerosi personaggi della storia bergamasca, fra i quali il cardinal Gian Francesco Commendone, con il discorso sopra la Corte di Roma.

Monsignor Rota ha deciso di donare ad Albino con Comenduno libri, testi e documenti frutto dei suoi studi e delle sue raccolte sul Commendone. Si tratta di parecchio materiale, raggruppato in numerose buste; ed ha anche accettato di venire ad Albino a parlare di questo personaggio.

La manifestazione, organizzata dal Comune di Albino, dalle parrocchie di Albino e Comenduno e dal Museo della Torre si svolgerà sabato 6 giugno alle ore 16 presso la chiesa di San Bartolomeo.

Come coreografia alla manifestazione seguirà un concerto con brani eseguiti dal coro “Laudate” di Comenduno.

Ringraziamo Monsignor Rota per aver voluto dare lustro, in tale maniera, ai nostri paesi.

 

E. Belotti