Montagnaterapia

Sincera, come la fronte sudata dopo una fatica, uno sforzo. Così appariva la faccia dei nostri amici dopo aver scalato quella parete. Era l’ultimo giorno di “Montagna che aiuta”, dedicato all’arrampicata.

 

Già, ci siamo fatti un sacco di amici ultimamente, con la complicità di un corso di arrampicata pensato dalla Dott.ssa Fiorella Lanfranchi, psicologa e psicoterapeuta A.O. Bolognini di Seriate.

Un corso ideato e realizzato da Giovanni Noris Chiorda (Giò), istruttore di alpinismo del CAI di Albino, e con il supporto di Claudio, Maurilio, Uberto, Osvaldo ed Ennio; e con il contributo del Comune di Albino, che ha messo a disposizione la palestra di arrampicata presso le scuole di Desenzano/Comenduno.

Questi incontri in palestra sono iniziati a dicembre 2014 e terminati nello scorso mese di marzo… Incontri tra appassionati scalatori… della vita.

Una scalata impegnativa, forse proibitiva, ha davanti chi soffre di problemi psichici; una qualità di vita in mezzo agli altri vissuta, viva, condivisa ed accettata. E’ la cima, la vetta che si intravede.

Come per gli scalatori, devono aumentare gli sforzi, le energie, la costanza nel superare le difficoltà; avere motivazioni, affrontare l’ignoto, la paura ed il timore di essere inadeguati.

Abbiamo raccontato di tecniche di salita, di modi per concentrarsi e rilassarsi. Ci hanno offerto dubbi, angosce, sguardi timorosi e volontà. Il coraggio… quello ce lo hanno mostrato insieme al cuore.

Salutandoci, ci hanno dato ciò che ogni persona di montagna ha di più caro, più personale e più intimo. Una stretta di mano, sincera.

 

Ennio Signori, Sottosezione CAI Albino