“Il viaggio e la curiosità di capire nuovi mondi e nuove culture, credo sia una delle cose principali per arricchire la nostra mente”. Sono le parole di Giordano Santini, presidente della sottosezione CAI di Gazzaniga, e protagonista della mostra “Montagne, territori e popoli”, tenutasi lo scorso aprile, presso la Sala Civica “Donatori di sangue” della Biblioteca di Gazzaniga.
La mostra, organizzata dalla Commissione Cultura del CAI e patrocinata dal Comune di Gazzaniga, è stata realizzata in occasione del 45° anno di fondazione dello stesso sodalizio; un tributo alla magnificenza della natura e a tutto ciò che ne fa parte. E proprio del presidente Santini sono state le fotografie esposte in mostra, oltre 40 scatti rappresentanti 32 foto del tipico paesaggio naturale lombardo e le montagne orobiche, e 32 fotografie di viaggi attorno al mondo dello stesso Santini, riguardanti 12 destinazioni per altrettante esperienze di viaggio: trek Annapurna in Nepal nel 2002, trek Everest in Nepal nel 2005, Namibia 2006, Sahara 2008, trek Ausangate in Perù nel 2008, la Siria e la Giordania nel 2010, Marocco 2012, West USA 2013, nord America 2015, Zanskar e Ladakh 2016, Islanda 2017 e Patagonia 2018.
Due passioni per Giordano Santini, classe 1953, che, dopo aver conseguito una formazione artistica, ha lavorato nel settore grafico come art-director per un’agenzia pubblicitaria. Grazie al suo lavoro, poi, è entrato in contatto con fotografi internazionale, e questo lo ha portato ad estendere le sue competenze anche in ambito fotografico, facendone una vera passione che negli ultimi anni, grazie anche al pensionamento. Iscritto al CAI da 42 anni, ha dapprima vissuto esperienze naturalistiche sulle Orobie e sulle Alpi, ma dal 2002 ha intrapreso viaggi più impegnativi per conoscere le meraviglie del mondo: gli ghiacciai dell’Islanda, il deserto del Sahara, le distese sconfinate dei territori nord-americani, l’estremo sud nell’incontaminata Patagonia sono solo alcune delle mete di viaggio di Giordano Santini, il quale afferma che “il viaggio ci regala molto, ambienti naturali diversi dai nostri, come i deserti, le alte quote, le lande sconfinate o le terre forgiate dal ghiaccio e dal fuoco, paesaggi straordinari”. E proprio per questo, per rappresentare la meravigliosa varietà della natura, Santini ha scelto di condividere con appassionati e curiosi, i suoi preziosi scatti, testimoni di un mondo da scoprire. “Amo di più i posti con poca presenza umana – afferma Santini – amo di più il viaggio dove la natura è ancora protagonista e l’uomo vive la sensazione di essere un ospite, che non deve mai mancarle di rispetto”.
La sottosezione CAI di Gazzaniga nasce nel 1974, grazie ad un gruppo di amici appassionati di montagna; oggi, al suo 45° compleanno, conta più di 400 iscritti e si configura come una vivace realtà associativa. Grazie alle sue Commissioni di Alpinismo, Scialpinismo, Giovani dentro, Alpinismo giovanile, Cultura e Sentieri, la missione del CAI è la conoscenza della montagna sia dal punto di vista sportivo che ricreativo. Per questo importante traguardo, le varie Commissioni hanno in serbo un ricco programma di iniziative.

Silvia Pezzera