Un nuovo circolo fotografico, ad Albino. E’ nato il “Città del Moroni Albino”, un nuovo sodalizio per gli amanti della fotografia, che è stato presentato alla comunità sabato 28 ottobre, nel pomeriggio, presso la “Saletta Rivola” della Biblioteca Comunale. Del resto, l’esigenza di aggregare e condividere la passione per la fotografia aleggiava nell’aria da tempo. A più riprese e in varie occasioni alcuni fotografi albinesi hanno lanciato l’idea di un gruppo ad hoc, ma mai si era costruito un percorso che convogliasse le richieste all’interno di un circolo per “addetti ai lavori”. Tante le partecipazioni di fotografi “made in Albino” a concorsi e rassegne, ma mai che anche Albino potesse vantare un circolo. Invece, ora è realtà. A tessere le fila del progetto è Mauro Monachino, dipendente della Carmo, del gruppo Fassi Gru, e grande appassionato di fotografia, in ogni suo genere.
“Mi sono sempre chiesto come mai ad Albino non esistesse un circolo fotografico – spiega Mauro Monachino – E mi chiedevo anche se non si potesse crearne uno. Poi, alcuni mesi fa, ecco il “click”, un messaggio tra amici che condividono la stessa passione; e, dopo le vacanze estive, ci siamo trovati per stendere una bozza degli obiettivi del nuovo circolo e trovare il nome più adatto. Ispirandoci all’artista più famoso di casa nostra, abbiamo scelto il nome di Circolo Fotografico “Città del Moroni Albino”. Bene, sabato 28 ottobre è iniziata l’avventura. A sostenerci c’erano alcuni fotografici, come Luca Eugeni, Damiano Carrara, Erasmo Perani, e il videomaker Marcello Milesi, che hanno illustrato alcune loro opere e spiegato cosa è per loro la fotografia”.

Residente ad Albino, sposato e padre di due figli, Mauro Monachino, nel suo tempo libero, oltre alla famiglia, ha la passione della fotografia, che coltiva da oltre vent’anni. “Ho cominciato con una compatta a rullino – continua Mauro Monachino – Poi, sono passato ad una reflex, sempre a rullino, e infine, con l’avvento del digitale, il grande salto. Ho iniziato da autodidatta, leggendo manuali di fotografia, peraltro cosa che faccio tuttora; è qui che prendo spunti e idee. Inoltre, leggo e osservo libri di fotografi che hanno fatto la storia della fotografia, come Ansel Adams, Richard Avedon e molti altri. Ho frequentato alcuni corsi di fotografia, dal ritratto al paesaggio, e anche corsi avanzati di fotografia, che mi hanno aiutato molto, sia in campo pratico che teorico. Il genere di fotografia che prediligo è quella paesaggio-naturalistico, in virtù del quale organizzo delle belle camminate in luoghi spesso vicino a casa ma poco battuti, per cercare scatti inediti di location magari non ancora visitate e fotografate. Il mio sogno nel cassetto non è fare il fotografo – meglio lasciarlo fare a chi lo fa di professione – ma continuare a coltivare questa passione, svolgendola al meglio, migliorandomi sempre di più, ovviamente trasmettendo con i miei scatti delle emozioni”.

Dopo la presentazione del circolo, è intervenuta l’assessore all’Istruzione e Cultura Emanuela Testa, che ha elogiato il progetto, ma soprattutto il logo che è stato scelto dai soci, e ha illustrato come, mediante una convenzione con il Comune di Albino, si sia rintracciata una sede, le vecchie scuole elementari di Desenzano, in Via Manzoni, dove ritrovarsi, svolgere le attività sociali e organizzare i corsi di fotografia che il circolo intende attivare.
A seguire, è stata fatta la presentazione dei fotografi; quindi, si è letto lo statuto che, per alzata di mano, è stato approvato. In questo modo si è sancita ufficialmente la fondazione del nuovo Circolo Fotografico “Città del Moroni Albino”.
Chiari gli obiettivi del nuovo circolo: riunire appassionati di fotografia e promuovere la diffusione, la conoscenza e la pratica di questa arte. Un circolo, dunque, che vuole essere la “via maestra”, dove le persone si incontrano, mettono in campo i loro punti di vista, presentano le loro esperienze, si arricchiscono in un interscambio culturale, che diventa poi crescita professionale e miglioramento della progettualità fotografica.
Come detto, il nuovo circolo fotografico si prefigge di realizzare incontri, corsi, approfondimenti, nell’ottica di una crescita culturale. Inoltre, è ben felice di accogliere nuovi soci. A tal proposito, durante la presentazione del circolo sono state sottoscritte le prime tessere gratuite di adesione al circolo fotografico.

Ti.Pi.