Che cos’è il softair, un gioco violento e/o diseducativo? Assolutamente no! E’ un momento di amicizia, onestà, aggregazione e anche beneficienza.
Provare a conquistare l’obiettivo prefissato e difendere la postazione assegnata sulla mappa, ma anche pensare a chi è meno fortunato e necessita di un aiuto. Da anni migliaia di appassionati si cimentano nei boschi (o zone in fase di degrado) a praticare questo gioco che agli occhi di molti suona ancora come una “simulazione di pratiche militari” non curandosi però dell’impegno messo a disposizione da parte di queste Associazioni sportive nella gestione e controllo del territorio, nella pulizia e la cura dei terreni oltre che la salvaguardia e la prevenzione di situazioni di illegalità o di degrado ambientale. Persone di tutte le età che in amicizia si ritrovano la domenica mattina a praticare un’attività motoria all’aria aperta.
Lo C.S.A.L. – il coordinamento softair F.i.p.s. Lombardia che raggruppa circa una ventina di squadre lombarde e più di 500 soci – da 3 anni si sta impegnando tramite il suo Presidente Denis Caccia ad aiutare la casa famiglia di Brignano Gera D’Adda in provincia di Bergamo; ad ogni tappa del Campionato, i softgunners partecipanti contribuiscono a donare beni di prima necessità: pasta, olio, tonno, piselli, ecc…oltre che vestiti e giocattoli. Un piccolo gesto che però vuol dire un grande interesse per una comunità che ospita bambini e ragazzi con diverse problematiche psicosociali. Ed è proprio ai giovani che si è rivolto in particolare il pensiero di una di queste Associazioni di softair, sfruttando un’iniziativa promossa da una grande catena di supermercati.
“Raccogliendo le cartoline dell’iniziativa Facciamo Squadra promossa dai supermercati Iper nei mesi di gennaio, febbraio e marzo – spiega Giorgio De Marco, presidente dei Tactical Seals di Trescore Balneario – abbiamo deciso di regalare ai ragazzi della Casa Famiglia attrezzature sportive utili per il loro svago nei momenti di gioco (palloni da calcio, racchette da tennis, racchette da ping pong e tute sportive), nella speranza che possano farli avvicinare allo sport in modo sano e che crescano con i valori che anche il softair insegue e che ne è il promotore da sempre.”