Una nuova programmazione del welfare territoriale della Val Seriana, per il triennio 2021-2023, è pronta ai nastri di partenza. Lo ha deliberato, nei mesi scorsi, l’Assemblea dei Sindaci dell’Ambito sociale distrettuale Valle Seriana, comprendente i Comuni di Albino (Comune Capofila), Alzano Lombardo, Aviatico, Casnigo, Cazzano, Cene, Colzate, Fiorano al Serio, Gandino, Gazzaniga, Leffe, Nembro, Peia, Pradalunga, Ranica, Selvino, Vertova, Villa di Serio, che ha emesso un avviso pubblico per la presentazione di manifestazione di interesse per la partecipazione alla fase di programmazione partecipata del piano sociale di zona 2021-2023 da parte dei soggetti di terzo settore e delle formazioni sociali, in attuazione di quanto stabilito dalla DGR XI/4563 di Regione Lombardia del 19/04/2021 ad oggetto “Approvazione delle “Linee di indirizzo per la programmazione sociale territoriale per il triennio 2021-2023”.
Del resto, è obiettivo dell’Ambito Valle Seriana, presieduto da Angelo Merici, vicesindaco di Gazzaniga, avviare un processo di programmazione partecipata e condivisa, che si avvalga del diretto coinvolgimento di tutti gli enti interessati alla costruzione del welfare territoriale, impegnando amministratori pubblici e tecnici a dare continuità al lavoro di confronto e coinvolgimento del Terzo Settore, parti sociali e realtà profit, nel solco delle prassi attuate nelle fasi preparatorie e attuative dei precedenti Piani di Zona. In campo, quindi, tutta la rete locale dei soggetti di terzo settore, nonché partecipazioni individuali, al fine di rintracciare e far emergere i bisogni del territorio.
“L’Assemblea dei Sindaci e l’Ufficio di Piano – ha spiegato in una nota il presidente dell’Ambito Valle Seriana Angelo Merici – intendono co-costruire con questi soggetti un percorso di riflessione che porti a potenziare in primis la raccolta di dati ed esperienze territoriali utili all’analisi dei bisogni; poi, a seguire, la programmazione, frutto della messa a sistema di tali conoscenze e dati; quindi, la progettazione e la gestione di progetti e servizi; il monitoraggio delle azioni intraprese; la valutazione ex-post dei progetti, delle misure e dei servizi attivati; la creazione di strumenti e indicatori per misurare l’attuazione delle politiche messe in campo nel settore sociale”.
Il percorso che si intende promuovere parte da una prima fase di ricognizione dei bisogni territoriali emersi, con particolare riguardo a quelli evidenziatisi durante la pandemia da Covid-19. Quindi, una successiva fase di brainstorming e ideazione delle possibili risposte ai bisogni emersi; l’organizzazione delle proposte nell’ambito di un sistema di interventi territoriali attento allo sviluppo delle quattro aree tematiche presenti nella scorsa programmazione (Governance e innovazione; Cronicità e Non Autosufficienza; Minori e famiglia; Svantaggio).
Già i soggetti interessati hanno partecipato nel mese di settembre ad alcune Assemblee Pubbliche, presso la Sala Consiliare del Comune di Albino. E ora, in queste settimane sono in corso di svolgimento i tavoli e i gruppi di lavoro per la preparazione e definizione del Piano di Zona. Questo sarà pronto a breve, tanto che, intorno alla metà di novembre, sarà approvato dall’assemblea dell’Ambito sociale distrettuale Valle Seriana, per poi essere così presentato nei vari consigli comunali dei Comuni aderenti all’ambito per la sua approvazione definitiva.

T.P.