Le previsioni della vigilia prima della 8 ore di calcio non erano buone e nella mattina aveva anche piovuto. Poi però come d’incanto e anche per venire incontro ai ragazzi del Club amici che da settimane stavano preparando la festa curando ogni minimo dettaglio, è venuto fuori un bellissimo sole.

Conseguenza: tantissima gente in oratorio, alle partite, alla tombola, all’asta per le magliette. E grazie anche alla generosità di tanti cittadini albinesi e dei nostri imprenditori locali, l’obiettivo ambizioso ed oneroso di regalare a novembre in occasione della castagnata una altalena per disabili alla città di Albino da mettere al parco Alessandri sarà sicuramente raggiunto.

Alla otto ore di calcio hanno partecipato: Club DEAlbì, Ciculi Gang, Michele 1993, Associazione Stefano Turchi, Subbuteo, Oratorio Albino Persico. Arbrito delle partite, Alessandro Gregis confermato dopo l’ottimo lavoro dello scorso anno.

La otto ore di calcio se la è aggiudicata la squadra Subbuteo che ha vinto tutte le partite e ha battuto in finale la formazione dell’Associazione Stefano Turchi.

La Subbuteo, il cui team manager è il nostro concittadino Davide Vedovati e lo sponsor “Arredamenti Cortinovis”, è una squadra nata in occasione della otto ore del Club Amici ma e pronta a giocare altre partite di beneficenza.

Nella Subbuteo hanno giocato anche dei giocatori professionisti tra cui: Filippo Carobbio, classe 1979 ed ex capitano dell’Albinoleffe, Mauro Minelli, 1981 ex Catania, Sassuolo e AlbinoLeffe, Alex Pinardi, classe 1980 (Barone) ex Atalanta , Lecce e Cagliari, Mauro Belotti, classe 1984 ex giovanili Atalanta e un europeo vinto con l’Under 21 in Liechtenstein e Achille Coser, classe 1982 portierone dell’Albinoleffe di tempi d’oro vincitore, tra le altre cose, di un notturno di Albino nel 2002 col Bar Bagaglino.

Miglior calciatore della manifestazione è stato Marco Morrone del “Club DEAlbì” che quest’anno ha giocato nella Falco che ha perso i play off con la Nembrese per salire in prima categoria.

Originario di Foggia ha giocato nelle giovanili del Foggia ai tempi di Zeman; da un anno e mezzo ad Albino è venuto per seguire la sua fidanzata Giorgia e studia giurisprudenza

Uno dei volontari dell’oratorio, Massimo Signori spiega “Nonostante il panico per il tempo è stata una manifestazione ben organizzata con molta gente, con sei ottime squadre e dove si sono potuti rivedere alcuni giocatori forti che hanno calcato i campi della serie A e che si sono trovati molto bene sul nuovo campo sintetico.”

 

Sergio Tosini