Sì, infatti, il 15 maggio di un anno fa abbiamo pubblicato il primo post sulla pagina facebook del giornale, Paese Mio BG.
Nata per ampliare la comunicazione della carta stampata, la pagina, dobbiamo dirlo, non ha avuto fin da subito il successo sperato. Basti dire che, ai primi di febbraio di quest’anno, i Like alla pagina erano solamente meno di 700 e le visualizzazioni mensili dei post faticavano ad arrivare alle ventimila unità. Va sottolineato che “i mi piace” alla pagina sono spontanei, ovvero, sono i lettori stessi che aderiscono o meno “cliccando sul Like”: noi della redazione possiamo solo invitarli a farlo!
Dai primi di febbraio, dopo attenta valutazione e grazie ad alcune circostanze, la direzione di Paese Mio ha affidato lo sviluppo della stessa a Fabio Gualandris, già curatore di alcune pagine delle edizioni cartacee del giornale. Da lì è partito il successo: infatti, in poco più di due mesi, a Pasqua i Like erano raddoppiati e le visualizzazioni mensili quasi triplicate.
Pasqua è una data da ricordare per la pagina, infatti, a metà aprile è iniziata la collaborazione con “Amici di Albino e dintorni” e altri gruppi facebook della Valle Seriana e bassa Val Cavallina. Questa cosa ha dato un’ulteriore “spinta” alla popolarità della pagina Paese Mio BG tanto che al 20 maggio scorso abbiamo toccato i 1800 Like e, ora (stiamo scrivendo l’articolo ai primi di giugno) abbiamo “sfondato” quota 2000 e i report ci dicono che abbiamo superato le centomila visualizzazioni al mese di media!
Ma, così tanti “seguaci” significa un impegno non secondario per colui che gestisce la pagina. Il contributo di chi scrive è “soltanto” quello di pubblicare post degli articoli apparsi sulle edizioni cartacee del giornale. Ecco che, oltre alle collaborazioni con i più noti portali dell’informazione di Bergamo e provincia, Fabio ha introdotto alcune rubriche fisse: lavoro, cinema, eventi e fotografie antiche dei paesi interessati dalle edizioni cartacee del giornale. Queste ultime, sono racchiuse in 9 album (tanti quanti sono i comuni di nostro interesse) e, mensilmente, quella che ha ottenuto più commenti, Like e condivisioni viene pubblicata anche sul giornale cartaceo (ovviamente, una foto per edizione, non per comune).
Non vi riempio la testa con dei freddi numeri, non tanto perché sia buono (in realtà lo sono!) ma perché non so leggerli. O meglio, non tutti i dati che fornisce il report sono chiari. Per esempio: i Like di Trescore Balneario sono 100 ma, a volte, pur essendo invariato o, al limite, aumentato il numero di Like totali, quello di Trescore passa a 98 e, il giorno dopo, tocca i 103!!! Altro dato che non riesco a decifrare, alcuni “lettori” di Colzate, Fiorano al Serio e San Paolo d’Argon hanno accettato di mettere “mi piace” alla pagina ma, questi comuni non vengono riportati dal report. Probabilmente vengono censiti sotto un altro comune ma non saprei quale! So solo che, a tutt’oggi, non hanno abbandonato la pagina. Leggo solo le cifre immediate: il 63% dei Like arriva dal gentil sesso. Fra queste, la fascia d’età con la più alta percentuale (17,2%) ha un’età compresa fra i 35 e i 44 anni, seguita a ruota (16,8%) dalla fascia d’età compresa fra i 45 e i 55 anni. Sono solo una meno di una ventina i Like provenienti dall’estero: 6 Svizzera, 4 Francia, 3 USA, 2 Germania e 1 Belgio. A parte Milano (150), Brescia (17) e Roma (8), i like della pagina arrivano tutti da Bergamo e Provincia.
Questi numeri decretano il successo della pagina sul social network per eccellenza. Per di più, non è stata fatta nessuna promozione della pagina stessa e nemmeno dei post pubblicati su di essa.
Paese Mio ha voluto fortemente un anno fa accettare la sfida della nuova frontiera della comunicazione. Ma, i numeri, li fate Voi. Con i Vostri Like ci fornite il Vostro apprezzamento e, al tempo stesso, ci spronate per far di meglio, sempre e solo nel Vostro interesse: ovvero, quello del lettore!

Paolo Salamoni