Partita la campagna elettorale 2014

Elezioni amministrative, ci siamo. Tre i candidati in lizza. Tante le liste in campo, a sostenerli. Proprio due settimane fa, venerdì 28 febbraio, l’accensione dei motori della macchina elettorale albinese. Un avvio in pompa magna, con tanto di cerimonia di presentazione dei candidati a sindaco e “invitata” di consiglieri provinciali, regionali, e anche parlamentari, a loro sostegno.

Del resto la partita è importantissima, la posta in gioco è molto alta, anzi altissima, non solo a livello amministrativo, ma anche politico: siamo di fronte al più importante e popoloso Comune della Val Seriana e, in generale, della Bergamasca (fra i pochi che superano i 15.000 abitanti, quindi con “appendice” di ballottaggio). Ma è sulla contrapposizione politica che si è verificata in questo ultimo mandato che i “riflettori” pongono la loro massima attenzione. Alla luce anche del fatto di come è arrivata alla guida del Comune l’attuale lista di maggioranza: certamente con le sue gambe, ma anche per la divisione che si è creata nel 2009 nelle fila della Lega Nord e il conseguente frazionamento del centrodestra.

Ebbene, in campo tre candidati. Innanzitutto, si ricandida Luca Carrara, 49 anni, architetto e libero professionista, sposato con due figli, che guida la lista “Per Albino: progetto civico”, una lista civica, di centrosinistra, sostenuta anche da Partito Democratico, SEL (Sinistra Ecologia, Libertà) e dalla Lista Valle del Lujo, ma che soprattutto si allarga alla cittadinanza, alle diverse realtà che operano sul territorio, in primis l’associazionismo, il volontariato impegnato in campo sociale e culturale.

Fra le sue parole d’ordine, partecipazione dei cittadini, condivisione e concertazione sulle cose da fare, attenzione alla spesa pubblica, occhio attento alle problematiche sociali. promozione culturale e ambientale di Albino.

Sul fronte opposto, il centrodestra albinese, dopo un confronto fra sue varie anime, ha ritrovato la sua unità, candidando Fabio Terzi, 43 anni, uno dei principali esponenti della lista “Civicamente Albino”, l’ex-lista 2009 “Rizzi sindaco degli Albinesi”, che è sostenuta anche da due liste politiche, la Lega Nord di Daniele Esposito e Forza Italia di Davide Zanga, oltre che da una lista civica espressione della Valle del Lujo, con portavoce Stefano Vida.

E’ proprio Fabio Terzi la novità di questa campagna elettorale: padre di due bambine, è un imprenditore, ma anche un archeologo e un grande appassionato di storia, soprattutto prima e seconda guerra mondiale, membro dell’associazione “Cime e Trincee”. Dalla sua una lunga esperienza amministrativa, come capogruppo della maggioranza della Lega Nord dal 2004 al 2009 e come consigliere di minoranza in quest’ultimo mandato.

Beh, quasi naturali i punti forti del suo programma: innanzitutto, la trasparenza del suo messaggio politico, con chiari riferimenti e simboli (sui manifesti) dei partiti che lo sostengono, senza nascondimenti dietro pseudo-liste civiche; poi, grande operatività, con il rilancio del Ponte di Comenduno e della pista ciclo-pedonale in Valle del Lujo.

Il terzo incomodo in questa campagna elettorale è il Movimento 5 Stelle, che ha annunciato la presenza di una sua lista, guidata da Alessandro Ferrara, 36 anni, residente ad Albino, impiegato nel settore della sicurezza informatica. Obiettivo: rinnovamento dell’attuale quadro politico, con una compagine fresca e motivata, fuori dalle logiche dei partiti che hanno guidato Albino in questi ultimi mandati. L’ufficialità, però, non è stata ancora data.

Probabile, infine, la discesa in campo di una quarta lista civica, vicina alle posizioni dell’UDC. Ma qui siamo ancora nella “palude” delle indiscrezioni.

 

Andrea Bonomi