Passeggiata storica per l’associazione “Monte Misma”

Supera i confini comunali l’attività dell’associazione ambientalista “Monte Misma”, espressione della Polisportiva Albinese, da anni impegnata in Bergamasca nella valorizzazione del patrimonio naturale e nel favorire attività didattico-formative a carattere ambientale nelle scuole dell’obbligo. Dopo alcune “uscite” primaverili a Trescore e in Valle Rossa, gli eco-volontari albinesi si ritrovano sabato 8 agosto, alle 7, a Tribulina di Scanzorosciate, per ripercorrere lo storico “Sentiero Caslini”, così chiamato perché ricalca le orme che Rocco (Andrea Caslini) e Pirata (Angelo Trovesi) lasciavano per tornare, qualche volta, dalla Malga Lunga (sul Monte di Sovere) a casa, a Scanzorosciate, o per ritornare, in montagna, quelle della Val Gandino e del Basso Sebino, per riprendere la lotta armata contro i nazifascisti.

 

Un sentiero storico, celebrato ogni anno dalla sezione scanzese “Giuseppe Brasi” dell’ANPI (Associazione Nazionale Partigiani Italiani) di Bergamo, che organizza, in collaborazione con lo SPI-CGIL di Bergamo e il Comune di Scanzorosciate, la “Camminata sul Sentiero Caslini (Rocco)”, passando per Cenate Sopra, Passo del Colle Gallo, Bianzano, Ranzanico e Monte Sparavera. Lo stesso sentiero che sabato 8 agosto i volontari della “Monte Misma” percorreranno quale loro prima “escursione verde” d’estate.

Il percorso, segnalato con la scritta “Malga Lunga – Sentiero A. Caslini”, è facilmente percorribile, perché sfrutta sentieri del CAI già esistenti. Tappe obbligate sono la chiesetta di S.Maria di Misma (Cenate Sopra), il santuario della Madonna del Colle Gallo (Gaverina), la Forcella (Bianzano).

La passeggiata avrà anche una valenza naturalistica, con indagine conoscitiva delle vallette laterali che scendono dai fianchi del Monte Misma e del Monte Pranzà, innestandosi in Valle del Lujo, che interessano l’areale di competenza dell’associazione “Monte Misma”. Oltre ai volontari albinesi, saranno presenti anche alcuni studenti universitari del Dipartimento di Biologia dell’Università di Milano, chiamati dall’associazione “Monte Misma” per uno stage naturalistico (già il quarto in cinque anni, ndr), che si configura come un tirocinio “sul campo” di lezioni teoriche fatte nel dipartimento universitario.

 

Sara Nicoli