Peregrinazione della Madonna di Altino

Un momento di profonda fede e devozione, che ha unito tutte le comunità parrocchiali della Valle del Lujo. Lunedì 12 maggio, ha preso il via dalla località “Colle”, in cima al Monte Altino, la “Peregrinazione della Madonna di Altino nella Valle del Lujo”, cioè il trasferimento della statua della “Madonna di Altino” dalla sua sede abituale, il santuario mariano del Monte Altino, nelle cinque parrocchie presenti in Valle del Lujo: Vall’Alta, Fiobbio, Abbazia, Dossello, Casale.

 

La peregrinazione ha una forte valenza religiosa, perché rappresenta la prima iniziativa di spessore vallare del “Progetto di Unità Pastorale” che le cinque comunità parrocchiali stanno costruendo in Valle del Lujo. “Ed è proprio alla Madonna di Altino, “sorgente di acqua viva”, che i parroci della valle affidano le loro comunità – ha sottolineato il parroco di Fiobbio don Michelangelo Finazzi – E’ un’iniziativa forte, profonda, piena di significati, capace di coagulare tante esperienze”.

La peregrinazione è una delle tante iniziative pastorali che le parrocchie vallari già condividono: momenti di festa e di preghiera, le feste patronali di ogni parrocchia, la festa di Altino e della Beata Pierina Morosini, la processione del “Corpus Domini”, una “Via Crucis” quaresimale e la Veglia di Pentecoste. Inoltre, pellegrinaggi mariani, le Prime Confessioni e le Cresime, un unico CRE, campi-scuola per adolescenti, il Carnevale dei ragazzi,…

Dal “Colle” del Monte Altino la Madonna è stata portata in processione nella chiesa parrocchiale di Vall’Alta, dove è rimasta fino a sabato 17 maggio. A seguire, la statua della Madonna di Altino è andata a Fiobbio (dal 17 al 23 maggio), ad Abbazia (dal 23 al 20 maggio), a Dossello (dal 30 maggio al 4 giugno), a Casale (dal 4 al 7 giugno), e in ogni frazione le rispettive comunità parrocchiali hanno…fatto festa: grandi addobbi, archi per le strade, striscioni e nastri colorati di azzurro e bianco a non finire, decorazioni floreali…tanti segni di devozione e profonda fede verso la Madonna di Altino, strumento di comunione e di condivisione.

La solenne chiusura della peregrinazione è avvenuta sabato 7 giugno: una processione è partita dai “Prati Moletti” per dirigersi al Santuario di Altino, dove al capolinea mariano è stata celebrata la S.Messa e la veglia di Pentecoste.

Sara Nicoli