Piccola Orchestra Karasciò: il nuovo progetto

A distanza di due anni dalla pubblicazione dell’ultimo album “Made in Italy”, la Piccola Orchestra Karasciò torna con un concept album dallo stile ampiamente rinnovato. “Apologia” è una vera e propria opera concettuale a cavallo fra musica, canzone, testo narrato e immagine. Il protagonista dello spettacolo diventa il lettore/uditore, che viene accompagnato da dieci “figure d’eccezione” in un viaggio singolare, dal forte potere evocativo. Un percorso nella memoria e nel tempo, che si muove attraverso le sensazioni più intime di ognuno di noi.

L’opera “Apologia” si compone di un album e un libro, non vendibili separatamente, che si completano a vicenda. Le canzoni contenute nell’album sono 11, così come i tarocchi che compaiono nel libro all’inizio di ogni capitolo. In verità i tarocchi sono 22, poiché la stessa carta viene vista con gli occhi di un giovane e di un vecchio che si incontrano un pomeriggio in una locanda, per cui ogni tarocco viene interpretato in maniera differente: il giovane con aspettative per il futuro e il vecchio con riflessioni sulla sua vita passata. La prima canzone e il primo tarocco affrontano il tema della morte, perché “partendo da qui non si può che migliorare”, si prosegue poi toccando altri temi come la sofferenza per un amore perduto (Sole e Calypso), l’addio (Ultima stazione) e il rispetto per il mondo (Il padrone di casa). Tutti temi che “parlando di morte vogliono riaffermano la vita in tutta la sua potenza, perché felicità e sofferenza, gioia e risentimento non sono condizioni imposte ma modi di vedere la vita, per cui l’unico rimedio è continuare a vivere”. L’incontro tra un giovane e un vecchio, una locanda e un mazzo di tarocchi che fa da bussola. Un viaggio al limite tra il reale e il sogno, tra la vita e la morte.

La Piccola Orchestra Karasciò nasce nel 2007. Incline al genere melodico popolare, propone un repertorio folk/cantautorale caratterizzato da liriche più o meno “impegnate” e da musica ironica, incalzante che cerca le radici nel proprio vissuto popolare e nella canzone d’autore.

L’orchestra ha all’attivo più di cento concerti e ha ottenuto diversi riconoscimenti, tra cui la vittoria al festival “Voci per la Libertà – Premio Amnesty Italia Emergenti 2010” con il brano “Beshir” e la vittoria del contest “Different Music per la Costituzione” organizzato dall’ARCI di Carpi nel 2008.

Vanta diversi passaggi su radio nazionali (puntata speciale dedicata al gruppo dalla trasmissione “Demo” su Radio 1 RAI; passaggi a “La Zanzara” su Radio 24; “Caterpillar” su Radio 2 RAI e Isoradio) e su alcuni importanti rotocalchi televisivi (“Non solo moda” su Canale 5; “Studio Aperto” per il festival Verdi su Italia 1; “Uno Mattina” per il Premio Amnesty su RAI 1; partecipazione al contest “O la va o la spacca” su Tele Lombardia).

Ha pubblicato due demo (2008 e 2010) e un EP, “Made in Italy” (marzo 2011), che ha riscosso ottime recensioni sulle riviste specializzate e ha ricevuto al MEI di Faenza il premio “Rivelazioni Canzoni d’Autore 2010” assegnato dal magazine FIOFA.

Apologia è un album venduto presso i più importanti negozi online. Per informazioni: Marco Pedrini, 340 3476209 oppure Paolo Piccoli, 349 5893253