Sta sempre più a cuore alla comunità di Trescore la salvaguardia del territorio. Merito della crescente sensibilizzazione ai valori ambientali, promossa sia dagli enti pubblici sia dalle associazioni di volontariato, che spesso si fa concreta in interventi di pulizia e manutenzione della sentieristica, del reticolo idrico minore e dei corsi d’acqua che attraversano il centro abitato. “L’operazione ha riguardato l’asportazione dei ciottoli che ostruivano il normale defluire dell’acqua – sottolinea l’assessore Rizzi – Il difficoltoso intervento, dovuto anche alla presenza di acqua in alveo, si è protratto per un’intera mattinata e ha visto impegnati gran parte dei volontari, che ancora una volta hanno agito seguendo il profondo senso civico che li accompagna durante lo svolgimento dei loro compiti”.
In questo caso, si sta riscontrando una fattiva collaborazione fra l’Amministrazione comunale, gli operatori di protezione civile, le associazioni e i soggetti privati: una sinergia che sta dando ottimi risultati, soprattutto in riferimento alla pulizia e sistemazione del torrente Tadone, uno dei corsi d’acqua più “a rischio”, sia per possibili esondazioni che per crescita abnorme della vegetazione spondale. E, proprio in quest’ottica, è da leggere il recente intervento di pulizia del torrente, ancora in secca estiva, che ha visto lavorare insieme pubblico e privato. Infatti, con l’autorizzazione dell’UTR di Bergamo, i volontari del Gruppo Comunale di Protezione Civile, unitamente ad un residente della zona che ha messo a disposizione un mezzo d’opera di notevoli dimensioni e non poche ore di lavoro, hanno eseguito un intervento di pulizia arborea delle sponde del torrente e di regolazione del flusso idrico in alveo. Obiettivo: mettere in sicurezza le aree più precarie, per non arrivare a subire esondazioni durante il periodo autunnale, spesso soggetto a frequenti piogge.