Siamo ormai alle battute finali dei lavori di riqualificazione del Palazzo Municipale di Trescore. Dopo un anno e mezzo dall’inizio dei lavori, nel rispetto del cronoprogramma, il vice-sindaco e Assessore a Urbanistica e Opere Pubbliche Michele Zambelli fa il punto della situazione su quella che è considerata l’opera pubblica più importante del mandato amministrativo della maggioranza di “ConSensoCivico”, che guida la cittadina termale dal 2014: “L’impresa appaltatrice consegnerà i lavori ultimati il prossimo 21 dicembre. Ormai, da diversi mesi le facciate sono state liberate dai ponteggi e dalle impalcature e la popolazione ha potuto ammirare in tutta la sua rinnovata bellezza le parti esterne di Palazzo Comi, con il nuovo colore delle facciate, le nuove lattonerie di canali e pluviali e le parti decorative in graniglia di cemento, ripulite e valorizzate in un ottimo gioco di chiari e scuri che, soprattutto durante le giornate di sole, mostrano con forza la loro tridimensionalità. Anche all’interno, poi, tutto è stato ormai completato: rifatto il tetto in legno e i solai dell’ala est, realizzato il cappotto interno, sostituiti tutti i serramenti mantenendo la tipologia di quelli originali, rifatte alcune partizioni interne, realizzati nuovi blocchi di servizi igienici su ogni piano del palazzo, inserita una scala in ferro che porta al piano sottotetto, completamente recuperato e riconvertito in spazi per uffici e sala consiliare. Recuperati anche i pavimenti in marmo orobico dell’ala ovest, rifatti completamente i pavimenti dell’ala est, con una tipologia più moderna, in cemento resinato. Ultimata ormai anche la parte impiantistica, con corpi illuminanti moderni, ventilconvettori a pavimento, tubi di aerazione a vista nel sottotetto”.
“A causa di alcuni ritardi per imprevisti vari, facilmente ipotizzabili in un cantiere di questa entità – continua l’Assessore Zambelli – si può ipotizzare di avere operativi gli spazi nel prossimo mese di aprile 2018, una volta completata la procedura per la fornitura degli arredi ed aver organizzato il trasloco. Nel frattempo stiamo valutando una nuova soluzione per la sistemazione dell’area esterna adiacente a Palazzo Comi, con l’obiettivo di offrire un accesso adeguato per le persone diversamente abili dall’ingresso principale, valorizzando il rapporto tra l’edificio e viale Locatelli”.
La ristrutturazione del Municipio di Trescore, altrimenti detto Palazzo Comi, in onore di Vincenzo Comi, patriota garibaldino, primo sindaco di Trescore nel 1907, che lo costruì nel 1909, era quanto mai necessaria. Si trattava di un edificio di vecchia data, che mostrava in tante parti i segni del tempo, e che ora, dopo una lunga attesa (un progetto esecutivo di recupero è fermo dal 2011), è stato fatto oggetto di una completa riqualificazione: un profondo restyling strutturale, per una spesa di circa 1,6 milioni di euro.

Ti.Pi.