SCUOLA E CULTURA

 

La linea scelta da quest’Amministrazione nella discussione e finanziamento del PIANO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO nei 5 anni di mandato è stata quella di rimarcare con forza l’intenzione di contribuire per i progetti qualificanti le attività scolastiche dei ns. ragazzi, a scapito del materiale di facile consumo richiesto; rendendo ancora più evidente questo tipo di scelta con la descrizione dei vari tipi di intervento finanziati. A completamento degli interventi del Comune presso le Scuole Elementari e Medie, si evidenziano: i Corsi di Nuoto completamente gratuiti, l’acquisto di attrezzature, il servizio mensa, il servizio di trasporto alunni affidato alla SAB, con agevolazioni pari al 50% per le famiglie, delle zone Masserini e Orezzo, in difficoltà e un contributo annuale a carico del Comune di oltre 25.000 euro per il contenimento dei costi abbonamento a carico delle famiglie; l’assistenza alunni disabili con assistenti educatori.

 

Per quanto concerne le Scuole dell’Infanzia sono previsti per entrambe contributi per lo svolgimento dei vari progetti presentati, inoltre nella convenzione triennale fra Comune e Scuola dell’Infanzia Briolini è previsto un contributo per gli alunni residenti allo scopo di contenere le rette di frequenza e trasporto, a carico delle famiglie.

Sono eseguiti e finanziati dal Piano per il Diritto allo Studio progetti di promozione musicale della ns. Banda cittadina, che oltre ad accompagnarci in tutte le manifestazioni civili e religiose della comunità, interviene presso le varie Scuole con propri insegnanti per una funzione propedeutica e anche di “reclutamento” di nuove forze all’interno della Banda Junior.

Interventi c/o le Scuole dell’Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado vengono fatti da parte del personale della Biblioteca e sono mirati, a seconda dell’età e del tipo di scuola frequentata dagli alunni, partendo dalla semplice conoscenza dell’ambiente e lettura espressiva per le Scuole dell’Infanzia, proseguendo con la lettura animata, rappresentazione teatrale, caccia al tesoro tra i libri, lettura di fiabe e riscrittura creativa per le classi I e II della Scuola Primaria; caccia al tesoro, viaggio nel mondo dei libri, come svolgere una ricerca ed essere autonomi nella ricerca di un libro tramite catalogo on line per le classi III – IV – V; presentazione spazio libri e significato dei simboli riportati sui libri; per la Scuola Secondaria di primo grado, vengono proposti due progetti: incontro con l’autore e caccia all’informazione inserito nell’edizione di Bergamo Scienza.

La Biblioteca di Gazzaniga, che fa parte del Sistema Bibliotecario della Valseriana, è da tempo il punto focale del prestito per la zona della media Valseriana e la Valgandino. I prestiti infatti annualmente superano di gran lunga le 25.000 unità con oltre 2.300 utenti attivi che si dividono percentualmente con oltre il 36% di Gazzaniga e Fiorano alla pari e ca. il 27% residenti in altri comuni viciniori.

Il patrimonio documentario ammonta a ca. 40.000 unità così suddiviso, oltre 9.000 unità documenti per ragazzi e oltre 30.000 patrimonio documentario per adulti.

Si svolgono varie iniziative culturali aperte al pubblico, in particolare si punta su attività di presentazione e animazione della produzione editoriale di qualità per i bambini con “Nati per leggere” e altre letture animate in occasione delle manifestazioni organizzate nel periodo natalizio.

Le altre molteplici attività culturali che si svolgono sul territorio, una per tutte: “ESTATE IN…” sono possibili grazie alla disponibilità di tante persone che si prestano a svolgere una infinità di prestazioni a titolo volontario e così facendo danno la possibilità a tutta la cittadinanza di partecipare ad eventi di qualità degni delle più importanti piazze.

Un incarico che ha visto i ragazzi della quinta Elementare e delle Scuole Medie impegnati in prima persona è stata la istituzione del C.C.R. ovvero consiglio Comunale dei Ragazzi, che ad oggi si trova alla scadenza del secondo mandato: questa esperienza ha un grande valore civico, perché avvicina i ragazzi alla vita amministrativa e fa loro comprendere gli aspetti e il significato di ciò che l’azione amministrativa comporta.

Il sottopasso che da Via Marconi porta alla Stazione bus, denominato “Passaggio di Stato” ha coinvolto, per l’esecuzione dei murales, i ragazzi e gli insegnati dalle elementari alle Superiori ed ha ottenuto un grande successo. Può considerarsi a pieno titolo un’opera educativa dei ragazzi che, con l’impegno e lo studio della Costituzione, hanno dimostrato – prima nell’esecuzione poi nella spiegazione dell’opera – come LA COSTITUZIONE possa essere interpretata e illustrata in maniera semplice e accessibile a tutti: un primo passo molto importante per la legalità e la civiltà che dovrebbero far parte di ogni popolo civile degno di questo nome.