SERVIZIO TRASPORTO OK: UNA MEDIA DI 400 VIAGGI ALL’ANNO

“Se negli anni scorsi è stato un’importante opportunità, ora il servizio  si è consolidato come indispensabile per tante persone, che si sono rivolte al gruppo volontari del Comune di Fiorano per trovare un aiuto concreto, fattivo, in risposta alle loro esigenze. E i volontari hanno risposto in maniera affermativa, con amore, gratuità e disinteresse, donandosi agli altri con spirito di solidarietà”. Questo il commento dell’assessore ai Servizi Sociali Rodolfo Pegurri, in merito al servizio di trasporto anziani e persone non autosufficienti organizzato da ormai 20 anni dal Comune di Fiorano al Serio,

 

Un servizio di trasporto per persone bisognose, in particolare anziani, ammalati, infermi, disabili, che presentano problemi di natura economica, ma anche chiari problemi di deambulazione. Destinazione: ospedali e cliniche, per esami, cure, prelievi e visite di controllo; laboratori di analisi; centri medici e palestre, per riabilitazione; uffici dell’Asl, per terapie, pratiche e visite per indennità di infortunio o invalidità.

Nello specifico, nel 2013 sono stati effettuati 432 viaggi, che hanno coinvolto 22 persone, mentre nel 2014 sono stati effettuati 360 viaggi, per un totale di 21 persone coinvolte. Attualmente, anche se bisogna ancora fare una rendicontazione, i numeri per il 2015 si stanno attestando su quelli degli anni precedenti.

In questi tipi di trasporti sono compresi anche i progetti del servizio sociale, per garantire le uscite sul territorio, per commissioni brevi (spesa e altri acquisti, farmacia, banca, ecc. …) per le persone prive di rete parentale, il servizio pasti a domicilio, il trasporto per dialisi e il trasporto verso il centro diurno.

Si tratta di un servizio “completo”. Non si limita a depositare gli anziani davanti agli ospedali o agli ambulatori. Al contrario, questi vengono accompagnati e accuditi in tutto il servizio, in modo da aiutare e sostenere i “clienti” in maniera corretta.

Il servizio di trasporto anziani utilizza due mezzi: un Fiat Doblo, munito di attrezzature per i sollevamento delle persone, e una Suzuki, che ora è in fase di “morte tecnica”, cioè a breve sarà dismessa, per essere rimpiazzata da una nuovo automezzo.

“Come detto, il servizio di trasporto anziani viene effettuato da moltissimi anni e dal 2012 è stato redatto un apposito regolamento – continua l’assessore Pegurri – Il servizio viene effettuato da personale volontario, circa una decina di persone e da lavoratori socialmente utili, con mezzi di proprietà del Comune. Oltre ai trasporti standard, molte le uscite non programmate e occasionali.

Nei giorni scorsi è partito un bando di gara per l’acquisto  di un nuovo automezzo, perché la Suzuki a disposizione è vecchia e incidentata, per cui sarebbe troppo costosa la sua riparazione, non ne vale la pena. L’automezzo che intendiamo acquistare è un Fiat CUBO, che corrispondere alle nostre esigenze”.

T.P.