Domenica prossima 8 ottobre, presso il tempio sacrario di Udine, (Friuli Venezia Giulia), in occasione della ricorrenza del 100° anniversario della Prima Guerra Mondiale, per volontà del Ministero della Difesa, con la collaborazione della Regione Friuli e del Governo, verranno consegnate ai discendenti che ne hanno fatto richiesta le onorificenze in onore dei caduti della Grande Guerra. Da parte dello Stato Italiano, infatti, è stata istituita una medaglia commemorativa, riportante nome e reparto di appartenenza del soldato, a ricordo di tutti coloro che hanno sacrificato la propria vita durante il più grande conflitto di tutti i tempi, con il chiaro obiettivo di non dimenticare la storia accaduta e perseverare la memoria delle famiglie che hanno sofferto a causa della guerra.
Per la cronaca, la Prima Guerra mondiale costò la vita ad oltre 650.000 soldati italiani; perciò, è stato affidato alle Amministrazioni Comunali di tutta Italia il compito di impegnarsi nel ritiro della medaglia commemorativa dei propri compaesani caduti, iscritti nelle liste di leva dei Comuni. Il Comitato d’Onore all’Albo d’Oro e la Regione Friuli Venezia Giulia hanno quindi organizzato la celebrazione del rito di consegna delle onorificenze, durante una delle tante giornate commemorative, proprio in Friuli, sede del fronte principale del conflitto, presso il tempo sacrario di Udine, uno dei più maestosi sacrari a livello nazionale.
Per quanto riguarda Albano Sant’Alessandro e Torre de’ Roveri, le due amministrazioni comunali, dopo aver comunicato questa possibilità e invitato i discendenti a segnalare i nominativi, ha organizzato per domenica 8 ottobre un viaggio a Udine, per il ritiro della medaglia ricordo e per visitare i “luoghi della memoria”, cioè i luoghi della Prima Guerra Mondiale. All’iniziativa hanno aderito con intensa partecipazione l’Associazione Nazionale Fante, l’Associazione Artiglieri, l’Associazione Nazionale Alpini, l’Associazione Nazionale Combattenti e Reduci, l’Associazione Nazionale Carabinieri.
Il ritrovo ad Albano Sant’Alessandro è alle 5.40, nel Piazzale degli Alpini, mentre a Torre de’ Roveri il ritrovo è alle 5.50, in Piazza Conte Sforza (Piazza del Comune). La partenza è fissata per le 6. Mentre l’arrivo a Udine è previsto per le 10.30. Il programma prevede alle 11, la S.Messa presso il Tempio Sacrario di Udine, cui seguirà la cerimonia di consegna delle medaglie d’onore ai discendenti dei caduti. La consegna della verrà eseguita, in veste ufficiale, con gli Onori Militari.
Dopo il pranzo, alle 15 si partirà per il sacrario di Redipuglia: qui, è prevista la cerimonia di deposizione della corona di alloro ai Caduti. A seguire, visita libera al Sacrario, al Colle S.Elia e al Museo, La partenza per il rientro è alle 17.30: durante il viaggio di rientro è prevista una pausa per il ristoro serale. Ad Albano Sant’Alessandro e a Torre de’ Roveri si arriverà verso le 22.30.
“La commemorazione del “luogo della memoria” di ogni singolo soldato caduto – spiega il sindaco di Albano Sant’Alessandro Maurizio Donisi – è la testimonianza storica della loro vita, che appartiene ad ogni famiglia come percezione tangibile che la loro storia è nella storia dell’Unità d’Italia”.
Costo iniziativa: 20 euro. Pranzo self service: 15 euro. Ristoro serale: 5 euro.

Ti.Pi.