Non poteva cominciare meglio l’anno 2017 per il Comune di Albino. E’ infatti di poche settimane fa la conferma ufficiale che due progetti della Polizia Locale di Albino hanno centrato un bando regionale in materia di sicurezza urbana ottenendo un finanziamento complessivo di ben 80 mila Euro. Il primo progetto riguarda da un lato l’ampliamento dell’attuale impianto di videosorveglianza per immagini con l’installazione di 10 nuove telecamere, dall’altro la realizzazione di un nuovo impianto per lettura targhe attraverso l’installazione di 4 lettori targhe. L’intervento prevede anche il collegamento di tali nuovi impianti con la sala operativa dei Carabinieri. Il costo totale del progetto è di 71 mila Euro di cui 50 mila a carico della Regione e 21 mila a carico del comune.
Il secondo progetto invece è calibrato sull’incremento delle dotazioni tecnico strumentali specifiche e del parco autoveicoli. Verranno infatti sostituite 13 radio mobili e 3 note-book a bordo delle vetture della polizia locale che per l’eccessiva età risultano ormai obsoleti e di cattivo funzionamento. Inoltre verranno acquistati una nuova vettura elettrica e 2 biciclette elettriche. Il costo totale di questo progetto è di 55 mila Euro di cui 30 mila a carico della regione e 25 mila del comune. La mia Amministrazione fin dall’inizio ha voluto porre tra le priorità del suo mandato la sicurezza dei propri cittadini e del proprio territorio. I due progetti nascono così da un importante ed approfondito lavoro di squadra tenutosi all’interno del “Tavolo della Sicurezza Comunale” che questa Amministrazione ha voluto istituzionalizzare tramite apposita deliberazione di Consiglio Comunale per discutere e decidere azioni concrete in materia di sicurezza urbana.
La filosofia di fondo che sottende l’operato di questo tavolo si basa sulla convinzione che ogni intervento sul tema della sicurezza in generale debba basarsi non solo sulle “logiche della polizia” ma anche e soprattutto sulle “logiche amministrative” derivate da una conoscenza globale del territorio amministrato. La “conoscenza amministrativa”, soprattutto nel primo progetto, si interfaccia così con quella, specificatamente tipica, della Polizia Locale volta ad avere strumenti che le permettano di prevenire, monitorare e reprimere fenomeni legati a fattispecie penali, violazioni amministrative, tutela della “quiete pubblica”, conoscenza ed identificazione di fenomeni di degrado sociale in particolare nei luoghi pubblici.
Mi corre l’obbligo di ringraziare tutti coloro che attraverso il “Tavolo della Sicurezza Comunale” collaborano con il sottoscritto che in qualità di Sindaco è il responsabile della sicurezza e della Polizia Locale, ovvero Il consigliere delegato alla sicurezza Vincenzo Ciceri, Il maresciallo dei Carabinieri Claudio Chiofalo e soprattutto il comandante della nostra Polizia Locale Giuliano Vitali che ha steso i due progetti presentati in Regione.
Da ultimo giova ricordare il costante impegno e la forte sensibilità sul tema della sicurezza da parte della Regione Lombardia che, attraverso l’assessorato alla sicurezza e protezione civile presieduto dalla Dott.ssa Simona Bordonali, mette sempre a disposizioni importanti contributi economici per progetti dedicati.

Il Sindaco
Fabio Terzi