Proposte ad alto livello e grandi eventi per la stagione 2016 della Pro Loco di Trescore. Sull’onda lunga dei successi maturati negli ultimi anni, il sodalizio di via Suardi ha ribadito anche per quest’anno la volontà di puntare su eventi consolidati e ad ampio respiro, che abbiano come palcoscenico non solo la cittadina termale, ma anche l’intera Val Cavallina. Obiettivo: intercettare il maggior numero di turisti o visitatori, proponendo iniziative di richiamo e spunti di interesse che sappiano incontrare il gradimento di diversi target.

La nostra cabina di regia è l’ormai storica sede di via Suardi . dove è presente anche l’ufficio IAT (Informazione e Accoglienza Turistica) – spiega il presidente Carlo Algisi, che dopo una pausa di riflessione, seguita a 12 anni di precedente presidenza, ha ripreso il comando della Pro Loco di Trescore nell’aprile dello scorso anno – Si tratta del “punto turistico” di Trescore e della Val Cavallina, voluto a suo tempo di concerto con la Comunità Montana Val Cavallina, l’Apt di Bergamo e il Comune di Trescore. Un servizio che, oltre a risultare funzionale alla promozione e all’organizzazione delle iniziative locali, che vedono quale teatro delle operazioni Trescore, coordina anche l’offerta informativa, ricettiva e di accoglienza presente in valle. Uno sportello inteso come “vetrina” del turismo della Val Cavallina: e i frutti si stanno vedendo, in termini di presenze e di consensi”.

Trescore, dunque, come centro propulsore del turismo vallare e la Pro Loco come promotrice di manifestazioni anche sovraccomunali, che riescano ad abbracciare e coinvolgere tutta la valle.

Ed è in quest’ottica che vanno lette le proposte turistiche per la stagione 2016 – continua Algisi – Quest’anno vogliamo puntare su eventi sicuri e affidabili, gli stessi dello scorso anno, per poi lavorare al grande evento che ci attende per i 60 anni della Festa dell’Uva e dell’Agricoltura Bergamasca, dal 3 all’11 settembre. Quindi, ecco le visite guidate all’Oratorio Suardi, affrescate dall’illustre Lorenzo Lotto (con propri operatori turistici) e le visite guidate storico-culturali del centro di Trescore Balneario, con diversi itinerari; le mostre d’arte allo spazio espositivo “Le Stanze”, dedicate ad artisti legati al nostro territorio; il “Festival del Legno” e la 19^ edizione di “Trucioli d’artista”, un simposio di scultura del legno, in collaborazione con scultori professionisti e allievi della Scuola di Intaglio e Scultura su legno di Trescore; la 9^ edizione del “Trescore British Blues Festival”, in contemporanea con la “Festa dell’Uva”, dal 3 all’11 settembre”.

Tutte manifestazioni di sicuro richiamo, intorno alle quali ruotano altri eventi stagionali, come i corsi di lingue (inglese, spagnolo e tedesco), i corsi di pittura e disegno, gli incontri d’estate di conversazione libera “Let’s chat” – Summer 2016 project, per un calendario che, ad ogni stagione, conta oltre venti appuntamenti.

Ormai la Pro Loco di Trescore è una grande azienda – prosegue Algisi – Le sue manifestazioni sono conosciute in tutta la provincia e anche oltre. Ma per far questo serve promozione e ricerca continua degli spunti di interesse. Ma anche un budget consistente. Ciò vuol dire grande impegno, sia dei consiglieri sia dei volontari che ruotano attorno alla Pro Loco. E grande sostegno economico, da parte degli sponsor privati, soprattutto le aziende e i commercianti, e delle istituzioni pubbliche. Voglio segnalare la partenza alla grande delle aperture dell’Oratorio Suardi, per le viste agli affreschi di Lorenzo Lotto: nella prima domenica di apertura, a marzo, ben 90 persone si sono presentate per la visita. Queste andranno avanti tutte le domeniche fino al 30 novembre, dalle 15 alle 15.45, senza prenotazione; tutti gli altri giorni, invece, solo su prenotazione (minimo 5 persone). Un bell’impegno, che fa il paio con il lavoro quotidiano di gestione della Pro Loco e dell’Ufficio IAT: dal martedì al sabato, dalle 8 alle 13, e il lunedì, dalle 21 alle 23”.

 

Ti.Pi.