Successo per l’esperienza autogestita del “Monteore” all’ISIS “O.ROMERO”

 

Si fa sempre più concreta ed interessante l’attività del  “Monteore”, all’ISIS “Oscar Romero” di Albino. Si tratta di un cumulo di ore scolastiche, offerto dall’Istituto Superiore “Oscar Romero” ai suoi studenti, frutto della somma delle ore di assemblea d’istituto che non utilizzano durante l’anno e che gli studenti possono gestire autonomamente e liberamente, con progetti di varia natura, molto coinvolgenti e a carattere solidale, pensati e promossi da loro stessi, in collaborazione con i docenti più sensibili e motivati.

 

Ovviamente, il “Monteore” cambia ogni anno, a seconda della creatività e fantasia degli studenti. E se fino a due anni fa veniva organizzato in una sola “tornata” durante l’anno scolastico, solitamente una “tre giorni” (accumulo di 18 ore), dallo scorso anno viene proposto in un due fasi: una “due giorni” e una singola giornata qualche settimana più avanti.

E così è stato quest’anno: il 25 e 26 marzo e un’appendice il 14 aprile.

Tante le attività organizzate: sfilata multietnica con costumi tipici dei Paesi da dove provengono alcuni studenti extracomunitari; visione del film su mons. Oscar Romero, quest’anno beatificato; incontri con il Rotary sul progetto “Safe driver” (guidatore designato), per una guida sicura durante il divertimento nelle ore notturne; incontro con l’associazione “Federica Albergoni onlus” per sensibilizzare sulla lotta alla leucemia; dimostrazioni di soccorso subacqueo con il Nucleo Sommozzatori di Treviglio; lezioni di ballo e di zumba; flash mob; teatro; creazioni artistiche; realizzazione di un murales al secondo piano dell’istituto; e tanto altro ancora.

Positiva la ricaduta sugli studenti che hanno avuto modo di sperimentare tante iniziative: un ricco contenitore di attività, intriganti e coinvolgenti.

E in effetti è proprio questo l’obiettivo che sottende il “Monteore”: gli studenti si ritrovano a fare un’autogestione che dura tre giorni. E’ l’occasione per permettere loro di fare delle “lezioni alternative”, non convenzionali, sdoganate dalle lezioni frontali, ma coinvolgenti, il più delle volte a carattere solidale.

In un certo senso è una piccola pausa nel lungo percorso delle lezioni scolastiche, ma anche quest’anno si è rivelata una pausa positiva, che ha favorito l’incontro, il confronto, lo scambio di idee ed esperienze.

Una redazione, poi, ha documentato il tutto attraverso filmati, foto e materiale scritto. Quindi, il “Monteore” edizione 2015 passerà anche alla storia. A breve, infatti, il materiale prodotto sarà visibile tramite il sito della scuola nella sezione “Monteore 2015”, che si preannuncia veramente ricco.

 

Sara Nicoli