Ormai, è un classico, un appuntamento fisso, da segnare sul calendario con la penna rossa. Da alcuni anni, infatti, la primavera porta con sé la tradizionale “Camminata in Valle Rossa”, una passeggiata lungo i sentieri che corrono sui fianchi della Valle Rossa, in sinistra orografica, dalla “Forcella” di Bianzano fino all’abitato di Cene. Un’occasione da non perdere per gli amanti del trekking che, dopo aver fatto i canonici “cimenti” invernali, cioè escursioni anche “sotto zero”, rientrano nel normale calendario delle camminate domenicali “di primavera”. L’appuntamento è per domenica 28 aprile. In cabina di regia i “trekker” dell’associazione ambientalista “Monte Misma” di Albino, espressione della Polisportiva Albinese, da qualche anno impegnata in Bergamasca nella valorizzazione del patrimonio naturale e nel favorire attività didattico-formative a carattere ambientale nelle scuole dell’obbligo.
Il ritrovo dei partecipanti è al mattino, intorno alle 7, al “Crest”, in località “Forcella”, sopra Trate di Gaverina; qui, per prima cosa le “guide” spiegheranno ai partecipanti il significato storico del luogo: il “Crest”, un Cristo di legno, infatti, con annesso altare e piazzalino, negli anni è diventato una tappa obbligata per camminate e passeggiate a cavallo, a tal punto che i cavalieri della Val Cavallina hanno eletto il “Cristo della Forcella” come loro protettore.
Poi, i volontari dell’associazione “Monte Misma” guideranno i camminatori verso il fondovalle, dove è previsto un percorso fra i sentieri che salgono al Monte di Altino. Quindi, prendendo un sentiero in destra orografica, il gruppo salirà i sentieri che portano al Monte Croce, sopra Leffe: si percorrerà circa un chilometro, con l’obiettivo di portarsi sopra la Valle Rossa, per un momento di “bird-watching” sul fondovalle e sul Lago d’Endine.
Durante la “gita verde” i camminatori potranno contribuire anche alla pulizia “estemporanea” dei sentieri. Il rientro è previsto per le 17.