Fare teatro in luoghi insoliti, per far conoscere questa arte a nuove platee di pubblico. E’ l’obiettivo di “ET Extra Teatro”, una rassegna teatrale promossa dall’assessorato alla Cultura di Trescore e dalla compagnia “Qui e Ora Residenza Teatrale”, all’interno del progetto “Coltivare Cultura”, con il sostegno di Fondazione Cariplo, il patrocinio del Comitato inValCavallina e del Comune di San Paolo d’Argon. Una serie di spettacoli in luoghi insoliti, lontano dai palcoscenici teatrali, bensì nei siti del vivere quotidiano, come residenze private e location artistiche. E’ il caso del chiostro del monastero benedettino di San Paolo d’Argon, dove martedì 11 luglio si terrà il quarto e penultimo spettacolo della rassegna: l’appuntamento è alle 21; qui, dopo l’aperitivo offerto in collaborazione con l’associazione Il Mercato e La Piazza e i ristoratori locali, il gruppo “PEM Habitat Teatrali” presenta “Caino Royale”, un’opera di Domenico Ferrari, Alessandro Pozzetti e Rita Pelusio, in collaborazione con Riccardo Piferi. Uno spettacolo di alto livello, che è risultato vincitore della 4^ edizione de “I Teatri del Sacro”. Sul palco Andrea Bochicchio e Giovanni Longhin. La regia è di Rita Pelusio.
Questo spettacolo, originale per la location individuata, si inserisce nel cartellone della 2^ edizione della rassegna “ET Extra Teatro, che prevede altre date, tutte a Trescore, fino al 27 luglio. Per la cronaca, mercoledì 28 giugno, alle 21, uno spettacolo in un’abitazione privata di Trescore: aperitivo e spettacolo teatrale con “La Casa degli Alfieri”, che mette in scena “Groppi d’amore nella scuraglia” di Tiziano Scarpa, con Emanuele Arrigazzi; le musiche sono di Andrea Negruzzo. Quindi, giovedì 27 luglio, alle 21, presso le “Fattorie Suardi” di Trescore. Dopo il consueto aperitivo, il gruppo teatrale “Nina’s Drag Queens” presenta “Vedi alla voce Alma” di e con Lorenzo Piccolo. La regia vede impegnato Alessio Calciolari. Gli elementi di scena e i costumi sono di Rosa Mariotti; disegno e realizzazione luci Andrea Violato; tutor Daria Deflorian.

Luisa Rovelli