Terza castagnata del Club amici DEAlbi

Oltre al profumo delle castagne calde e del Vin brulè che scorreva a fiumi c’era anche profumo “d’europa” alla terza castagnata del Club amici DEAlbì.

 

Forse perché archiviati i patemi d’animo e le delusioni dello scorso anno, questa Atalanta del nuovo corso di  Edy Reja, al di là della sconfitta interna col Torino fa davvero sognare i tifosi.

Certo, arrivare al sesto posto che vorrebbe dire preliminari di Europa League, resta comunque un sogno, un’utopia ma, se è vero che i sogni addolciscono questa misera vita, che male c’è a sognare un po’?

Forse perché il tifoso vero, quello che non si perde una partita, che dalla tribuna potrebbe anche consigliare il cambio da fare al mister, lo capisce da solo quando è l’anno buono.

E se la squadra gioca bene, si impegna e dà il massimo, va meglio anche la settimana e al lunedì ti viene anche la voglia di comprare  il giornale e leggere gli articoli sportivi.

Tornando all’evento, è stata una bella castagnata quella di quest’anno “bagnata” da una bella e calda giornata di sole quasi primaverile che ha coinvolto come sempre tutto il paese: c’erano giovani, anziani, famiglie con bambini e anche tifosi storici che sono la memoria del Club, come il professore Elvio Bergamelli e Gianprimo Gualandris.

I preparativi per la castagnata erano iniziati di buon mattino quando i volontari del Club si sono prodigati per preparare tutto il necessario. La festa è iniziata alle 14 ed è finita verso sera.

Alla castagnata di quest’anno ha partecipato anche Giuseppe Biava “l’ultimo terzino marcatore” come l’ha definito il professore  Elvio Bergamelli, che ad Albino ha lasciato un pezzo di cuore visto che ha giocato sia nell’Albinese che nell’Albinoleffe. L’anno scorso, prima di ritirarsi, ha giocato ancora una stagione con l’Atalanta.  I ragazzi del Club amici hanno voluto regalare ironicamente una scarpa da donna coi il tacco 12  in ricordo di un suo  famoso gol di tacco in un Palermo – Reggina di qualche anno fa.

Ad Albino ci torno sempre volentieri – spiega Giuseppe – qui ho tanti amici e conosco tutti. Quest’anno l’Atalanta gioca bene e merita la posizione che ha. Certo arrivare in Europa League sarà molto dura, ma la speranza c’è sempre”

Quest’anno il ricavato della castagnata e della tombolata, come per la cena di beneficenza del giugno, scorso è andato a Mauro Bernardi e alla sua associazione “Enjoyski sport”. Durante la castagnata ha fatto anche una dimostrazione, chiamata “Festa con la testa“, sul come prevenire gli incidenti stradali  “Grazie al club amici per l’ospitalità – spiega Mauro – la visibilità che ci danno e per  il loro prezioso contributo. Sono contento che la nostra associazione sia già arrivata a 50 utenti con disabilità. Continua anche la nostra collaborazione col comune di Albino per la ginnastica dei ragazzi disabili. Inoltre, stiamo anche collaborando con il comune di Pradalunga per i corsi di ballo per ragazzi disabili. Abbiamo organizzato poi un’uscita sulla neve e una al lago. “

Soddisfatto il presidente del club, Cristiano Colombi. “Questa è la terza castagnata che organizziamo dove hanno partecipato tante famiglie con bambini a cui è stato offerto pane e nutella.

Un grazie particolare a tutti i volontari del club che, come sempre, hanno dato il massimo per organizzare la festa.”

Sergio Tosini