“Torneo del decennale”: una bella giornata di sport e fratellanza

Era la decima volta, e sugli spalti del centro sportivo “Rio Re”, per l’occasione addobbato a festa, con tante bandiere tricolori, gli sportivi l’hanno denominato “Il torneo del decennale”, a significare che era la decima edizione del Torneo quadrangolare di calcio “Cadiuti di Nassiriya”, l’ormai matura e consolidata manifestazione calcistica per squadre militari, organizzata dalla Polisportiva Albinese. Un appuntamento importante, ormai entrato nel calendario degli eventi sportivi di primavera della provincia di Bergamo, che si qualifica e si esalta per il profondo obiettivo che lo sottende: fare memoria dei Carabinieri, dei soldati dell’esercito e dei civili italiani e iraqeni che sono morti a Nassiriya, nel novembre 2003, sotto i colpi del terrorismo. E, forse perché proprio “torneo del decennale”, ecco che patron Alberto Carrara ha fatto veramente le cose in grande, presentando una manifestazione di alto livello, non tanto per l’aspetto sportivo, quanto per il numero dei partecipanti e la loro provenienza, gradita oltremodo dagli spettatori: quest’anno, infatti, alla luce dell’iscrizione di una quinta squadra, l’organizzazione ha dovuto inventarsi la formazione di una squadra “mista”, formata da giocatori dell’Accademia della Guardia di Finanza e della Polizia Penitenziaria: un “super-squadrone”, che ha dato del filo da torcere alle altre tre squadre: la squadra dei Carabinieri, la compagine del 3° Reggimento Aves “AQUILA” di Orio al Serio e la formazione del 5° Reggimento Alpini, Battaglione “Morbegno” di stanza alla caserma “Menini-de Caroli” di Vipiteno (Bolzano). Proprio la partecipazione della squadra delle penne nere altoatesine è stata la seconda novità di quest’anno. “Era da tempo che chiedevo la loro partecipazione – spiega il presidentissimo Alberto Carrara – E dopo un lungo tira e molla, ecco la bella sorpresa: la presenza della formazione degli alpini del 5° Reggimento che, come tutti sanno, dipende dalla Brigata “Julia”. Sarà stata la novità della loro partecipazione, ma forse la bravura dei suoi giocatori, sta di fatto che a vincere “Il torneo del decennale” è stata proprio la squadra delle penne nere, che ha battuto un’agguerrita formazione dei Carabinieri”.

Per la cronaca, il terzo gradino del podio è stato occupato dalla squadra del 3° Reggimento Aves “AQUILA” di Orio al Serio, che ha avuto la meglio sulla tanto attesa formazione “mista” formata da giocatori dell’Accademia della Guardia di Finanza e della Polizia Penitenziaria.

“E’ stata come sempre una bella manifestazione – ha aggiunto il presidente Carrara – Tanta gente, tante famiglie di militari, una presenza motivata da valenze morali e civili, tutti presenti per commemorare quei soldati coraggiosi che sono morti, mentre erano in servizio per la pace e la libertà. Ringrazio tutti i presenti, l’assessore allo Sport Franco Petteni, che ha avuto parole di elogio per la manifestazione, ricordando anch’egli i poveri soldati che hanno dato la loro vita per la Patria; Gimmi Zilioli; il nostro maresciallo C.C. Paolo D’Agni; il responsabile di zona 13 dell’ANA, il capogruppo degli alpini di Nembro Vincenzo Carrara; i gruppi alpini di Albino e Comenduno; i giocatori, tutti militari, che hanno dato ancora una volta un segno importante di attaccamento ai valori fondanti della nostra patria, la fedeltà e la dedizione al dovere, alla bandiera”.

“Un ringraziamento anche ai responsabili delle squadre – ha sottolineato Alberto Carrara – Il maresciallo Faggio per gli alpini, il maresciallo Barile per il 3° Aves, l’appuntato Nuvoli per i Carabinieri, il maresciallo Giorgio per l’Accademia della Guardia di Finanza; gli assistenti Sole e Rosito per la Polizia Penitenziaria”.

 

Sara Nicoli