Tutti in pista con Diversamente Disco

Specchio della società, del pensiero e dei comportamenti umani nel corso dei secoli, il ballo è tutt’oggi un’attività praticata e ricercata, sia per il piacere che genera nei danzatori quanto per la gioia che fa scaturire nel pubblico. Muoversi e ballare a ritmo di musica, infatti, è un facoltà innata che possiede ciascuno di noi, persone disabili comprese. Eh sì, perché molto spesso i normodotati pensano che i disabili siano persone tristi, sconsolate e amareggiate, a causa della loro condizione, ritenendo che molte attività possano essere a loro precluse. Niente di più sbagliato! Come tutte le persone, anche i diversamente abili sentono il bisogno di amare, di lavorare, di divertirsi e di…ballare! Anzi, molto spesso la vera cosa che manca a loro è solo la sensazione di sentirsi normali, come chiunque altro. E questo è stato anche il punto di partenza di Mery Anesa, titolare della Scuola di Ballo Mery, per realizzare Diversamente Disco, un’iniziativa dedicata soprattutto a loro, i ragazzi con disabilità.

 

Mery ci ha aperto le porte della sua scuola e con gentilezza ha risposto ad alcune domande e curiosità.

 

Mery, da dove nasce l’iniziativa Diversamente Disco?

Questa idea è nata da un amore grande per le persone disabili: io stessa ho avuto mia mamma paralizzata per un ictus e l’ho accudita per 15 anni, quindi conosco le problematiche.

 

Quando è nata l’iniziativa?

Diversamente Disco compie tre anni: per il primo anno e mezzo l’abbiamo svolto nella mia scuola, mentre da un anno esatto siamo riusciti a spostarlo in una sede più idonea, a Cene. Il tutto grazie alla pervicacia dell’assessore alla Cultura Norma Noris. Così, siamo riusciti ad ottenere una fantastica sede per i ragazzi, la sala mensa della Scuola Elementare di Cene. Oltre al grande spazio disponibile e ai tavoli per fare merenda, tutto l’ambiente è attrezzato appositamente per i disabili: dall’ingresso, al salone, ai bagni. L’appuntamento con Diversamente Disco è il primo sabato di ogni mese, dalle 15 alle 17.

 

Chi può partecipare?

Diversamente Disco è un’iniziativa aperta a tutti, disabili e non. Colgo l’occasione per ringraziare tutti gli operatori, gli educatori che li accompagnano e gli allievi della mia scuola che vengono ad assistere e a dare una grossa mano a livello organizzativo.

 

Che tipo di musica si ascolta?

In due ore riusciamo a coprire un po’ tutti i generi: balli di gruppo, liscio, revival e ballo da discoteca, anche se molte volte sono i ragazzi stessi a richiedere le loro canzoni preferite. Inoltre, Diversamente Disco ha anche una sua sigla (una marcetta), che sancisce l’apertura e la chiusura delle danze.

 

I ragazzi si divertono in pista?

Questi ragazzi sono fantastici: hanno tantissima passione, forza di volontà ed energia. Vederli così felici mi dà un’immensa gioia. È incredibile quanto si possa fare tanto con poco. E quanto ci siano persone pronte a dare una mano.

 

Qual è il tuo sogno?

La mia speranza è che Diversamente Disco diventi un appuntamento così apprezzato e sentito, al punto da diventare un raduno di portata provinciale…ma che dico…regionale, anzi nazionale!

Siamo sicuri che il sogno di Mery si avvererà, perché la diversità, qui, è solo negli occhi di chi guarda!

Per informazioni: 035 714184 – info@scuoladiballomery.com