Una luce in fondo al tunnel. Lo sblocco dei vincoli del Patto di Stabilità, concesso agli enti locali nel dicembre scorso, ha ridato slancio alla verve amministrativa del Comune di Trescore. Ma soprattutto ha permesso di dare ossigeno alle casse comunali e lanciare a briglie sciolte gli investimenti.

Grande, pertanto, la soddisfazione dell’assessore al Bilancio Erminio Cattaneo, durante la recente seduta consiliare sul bilancio di previsione e il piano triennale delle opere pubbliche: “Speriamo che non si tratti di un’eccezione, ma finalmente dell’avvio di una nuova stagione, per ridare agli enti locali il ruolo utile e positivo che compete loro, necessario per la crescita delle nostre comunità dal punto di vista sociale, culturale ed economico. Dopo anni di tagli pesanti che ci hanno danneggiato, il 2016 non prevede infatti alcuna riduzione dei trasferimenti statali, ma soprattutto vede l’eliminazione del Patto di Stabilità, che non ha consentito per molti anni l’utilizzo di tutti gli oneri di urbanizzazione incassati per realizzare opere pubbliche e manutenzioni straordinarie. Inoltre, lo Stato ha aumentato finalmente i fondi per le politiche sociali, ha eliminato la TASI, cioè la tassa sulla prima casa (il gettito previsto è ora di 560.000 euro, con 350.000 euro in meno rispetto al 2015), ha eliminato l’IMU sui terreni agricoli, ha dimezzato l’IMU sulle seconde case concesse in comodato d’uso ai figli. Dal canto nostro, poi, riusciamo anche a diminuire un po’ la tassa sui rifiuti, la TARI. Senza contare che l’IRPEF rimane invariata allo 0,6%, come pure invariata l’imposta sulle pubbliche affissioni. In questo contesto positivo, siamo riusciti quindi ad impostare un bilancio di previsione 2016 che riesce a confermare tutti i servizi avviati in questi anni e i nuovi progetti che abbiamo intenzione di realizzare”.

Con lo sblocco del Patto di Stabilità, dunque, via libera agli investimenti, per un totale di 2 milioni e 700.000 euro. E così, dopo anni di “fermo”, ecco l’apertura di diversi cantieri: riqualificazione del Municipio (Palazzo Comi), per 1,6 milioni di euro; realizzazione di percorsi ciclabili sul territorio comunale (400.000 euro); realizzazione del campo di calcio a 11 in erba sintetica, con tribune e spogliatoi annessi all’Albarotto (400.000 euro); realizzazione dei controsoffitti all’edificio delle scuole medie (75.000 euro); nuova centrale termica alla scuola materna (60.000 euro); rifacimento degli accessi al Palazzetto dello sport e agli impianti sportivi (60.000 euro); rifacimento del tornante in via Solatia (50.000 euro); nuovo argine sul torrente Lesse (56.800 euro).

Da segnalare, poi, un avanzo di competenza sulle spese correnti molto interessante – continua Erminio Cattaneo – Un conto consuntivo “storico”, che è indice di buona gestione delle risorse e della piena sintonia di lavoro degli uffici con l’amministrazione comunale, per una verifica puntuale di tutti i capitoli di spesa. Infatti, l’avanzo di amministrazione del 2015 assomma a 656.000 euro, una bella “fetta” di denaro, che ora sarà oggetto di valutazione, per decidere come impegnarlo nei prossimi anni e per quali opere. Ovviamente, l’avanzo di amministrazione poteva essere più sostanzioso, ma già a dicembre, dopo il tanto sospirato sblocco del patto di stabilità vi abbiamo attinto parecchi soldi, con i quali abbiamo investito in parecchie opere pubbliche, che andremo ora a realizzare”.

Un bilancio in salute, quindi, per l’amministrazione comunale di Trescore, che garantisce uno sguardo positivo e una ricca stagione di investimenti.

 

Ti.Pi.