Un camper per i donatori di midollo osseo

Un camper attrezzato per rintracciare nuovi donatori di midollo osseo in tutta la provincia di Bergamo. È questo l’obiettivo dell’Unità Mobile, la prima e unica in Italia, dell’associazione “Federica Albergoni” (ricorda la giovane Federica spentasi nella notte di Natale del 2009 per una leucemia fulminante) di Albino, che è stato presentato il 19 settembre scorso, sul piazzale del Municipio. A fare gli onori di casa c’era il sindaco di Albino Fabio Terzi, unitamente ai volontari dell’associazione, con in testa il presidente Maurizio Albergoni che, insieme al vice-presidente Davide Rossi e a Sabrina Dentella, ha illustrato le finalità dell’operazione. “Grazie al “Camper di Federica”ha spiegato Maurizio Albergoni – i volontari dell’associazione possono portare la propria testimonianza direttamente nelle strade e nelle piazze della Bergamasca. Ma non solo. Nell’Unità Mobile sono state ricavate delle apposite aree dove gli aspiranti donatori di midollo osseo possono eseguire il prelievo venoso e compilare i questionari di idoneità, con l’assistenza dei medici e degli infermieri volontari dell’Associazione. I campioni di sangue e la documentazione medica vengono poi inviati al Centro Donatori di Midollo Osseo del Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale dell’Azienda Ospedaliera Papa Giovanni XXIII, che ad oggi è l’unica realtà in provincia di Bergamo abilitata alla valutazione degli aspiranti donatori e alla loro iscrizione nel Registro Nazionale Italiano Donatori di Midollo Osseo (IBMDR, Italian Bone Marrow Donor Registry)”.

 

A tal proposito, erano presenti il Dr. Luca Barcella, responsabile sanitario dell’Unità Mobile, e la Dott.ssa Laura Castellani del Servizio di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale dell’Azienda Ospedaliera Papa Giovanni XXIII.

Il “Camper di Federica” – ha continuato Albergoni – rappresenta uno straordinario strumento per aumentare il numero di potenziali donatori di midollo perché avvicina tantissima gente, che può poi iscriversi al Registro Donatori. È una risposta concreta per far sapere a sempre più persone che con un semplice prelievo di sangue si possono salvare tante vite umane. Si pensi che sono già otto gli aderenti all’associazione che hanno donato in questi quattro anni il loro midollo osseo”.

A tagliare il nastro è stata l’assessore alla Cultura Emanuela Testa, mentre la benedizione è stata impartita dal prevosto di Albino don Giuseppe Locatelli. Un ricordo di Federica è stato tracciato dall’amica Cinzia Piantoni. Mentre importante e significativa è stata l’esperienza di Enrico Piccinini, il penultimo donatore dell’associazione.

Ma cosa è la tipizzazione e cosa si fa sull’Unità Mobile? Lo chiediamo allo stesso presidente dell’associazione Maurizio Albergoni: “La tipizzazione inizia con un prelievo di sangue (2 cc) in una provetta; questa, poi, viene portata al Centro Trasfusionale di Bergamo 8, Laboratorio di Immunoematologia,  diretto dalla Dott.ssa Laura Castellani; qui, si delinea il tipo di midollo osseo del volontario, che poi viene inserito nell’albo mondiale del futuro donatore. Il volontario, prima del prelievo, deve compilare un modulo che certifica il buono stato di salute che ha attualmente: un’operazione effettuata insieme ad un medico certificato dal centro Trasfusionale di Bergamo; prodotto tale modulo, il volontario passa nella zona prelievi. Qui, un’infermiera, anch’essa certificata, toglie dal braccio 2 cc di sangue, per essere analizzato. Ovviamente, il volontario deve essere in un buono stato di salute, deve portare la carta d’identità e la tessera sanitaria”.

Attualmente – continua Albergoni – l’associazione “Federica Albergoni onlus” sta facendo delle campagne di sensibilizzazione in Val Seriana, per diffondere la cultura della donazione del midollo osseo e fare i prelievi. A Valbondione abbiamo raccolto 18 ragazzi, a Gromo 14 ragazzi, ad Albino 39 ragazzi. Su richiesta siamo andati a Calusco, grazie all’interessamento di Walter Scotti (ADMO): qui, abbiamo raccolto 12 ragazzi. Il 24 ottobre siamo stati con l’Unità Mobile ad Albino. Il 12 novembre, invece, faremo un’assemblea pubblica a Gandellino, per spiegare cos’è la leucemia e come si dona il midollo osseo; mentre il 21 novembre faremo i prelievi dalle 15 alle 18”.

Per concludere il programma 2015, il 13 dicembre, alle 17, presso l’auditorium comunale di Albino, il Coro Monterosso di Bergamo effettuerà un concerto per tutti i bambini e non di Albino. Un bel  evento, durante il quale verrà augurato a tutti un Buon Natale.

 

T.P.