Una semplice donazione di 50 euro per contribuire a ristrutturare e sistemare un metro quadrato di tetto. Ma anche per far continuare nel tempo una storia importante, di vecchia data, che è radicata nella comunità di Trescore. E’ questo il motivo che sottende “Un metro quadrato di storia per i bambini di domani”, la campagna di raccolta fondi, avviata e promossa dalla storica Scuola Paritaria dell’Infanzia “Bartolomea Capitanio”, che si apre in via Nazario Sauro con il dichiarato obiettivo di rifare il tetto della struttura scolastica, ormai vecchio e degradato, che si allarga su una superficie di 1.000 metri quadrati.
“L’asilo è una vera istituzione per la comunità di Trescore – spiega il sindaco Donatella Colombi – Non è solo un’opera edilizia di grande pregio (costruita a partire dall’anno 1900 su un terreno donato al Comune, dal conte Gianforte Suardi nel 1898 ), ma una “pagina” della storia della cittadina termale, una storia che parte da lontano, agli inizi del ‘900. E’ la storia di un progetto educativo-didattico di impronta religiosa (all’inizio della sua attività, la Scuola era gestita dalle Suore di Maria Bambina) che ha visto crescere, sul nostro territorio, almeno quattro generazioni di giovani. Oggi, la Scuola accoglie circa 150 bambini, dai tre ai sei anni, contribuendo a fornire un servizio indispensabile al paese. Purtroppo l’edificio necessita di cambiare abito: la copertura del tetto ha oltre un secolo di vita e ha bisogno di essere rifatta. Non bastano più gli interventi-tampone, le sistemazioni parziali, anche perché i tempi cambiano e la realizzazione del cappotto esterno per garantire un importante risparmio energetico non può più attendere. Senza dimenticare crepe nei muri e infiltrazioni d’acqua nei locali. Logico, quindi, un intervento importante, di forte impatto, che vada a risolvere definitivamente le problematiche”.
In quest’ottica, il Consiglio di Amministrazione della Fondazione che attualmente gestisce la Scuola Paritaria dell’Infanzia “Bartolomea Capitanio” ha messo in atto una serie di iniziative per la raccolta di fondi: l’ultima, in ordine di tempo, è un pranzo comunitario, in oratorio, lo scorso 5 febbraio, a cui hanno partecipato circa 300 persone.
Ma c’è dell’altro. Seguendo lo slogan “Un metro quadrato di storia per i bambini di domani: acquistando con 50 euro una casella contribuirai a ristrutturare un metro quadrato di tetto”, chiunque può fare una donazione: per esempio, è aperto un conto corrente dedicato presso il Credito Cooperativo di Trescore, oppure si può contattare la Scuola al numero 035.940002.
“In verità, per la costruzione di una “rete” di collaborazione per la raccolta fondi vengono interpellati tutti – continua il primo cittadino – Genitori, insegnanti, dirigenti, sostenitori, operatori, amministratori, associazioni, aziende: tutti impegnati in una sorta di contratto educativo, in cui ciascuno, per la propria possibilità e competenza, contribuisca al progetto e, quindi, a garantire anche alle nuove generazioni i presupposti formativi, importantissimi per una crescita sana in questa fase della vita”.
I lavori di ristrutturazione prevedono il rifacimento di 1.000 metri quadrati di tetto, il restyling della facciata e l’installazione di un cappotto per ottenere un risparmio energetico. La somma necessaria per l’intervento è 300.000 euro. I lavori dovrebbero partire nel mese di giugno, per concludersi prima dell’inizio del nuovo ano scolastico, previsto per settembre.
“L’Amministrazione Comunale – conclude il sindaco Colombi – è grata a tutti coloro che contribuiranno a realizzare il progetto e al Consiglio di Amministrazione della Scuola per l’impegno profuso, peraltro da sempre, ma soprattutto in questa fase, nella speranza che sulla scia del successo iniziale si continui a lavorare perché questa lunga storia possa continuare anche domani”.

Ti.Pi.