E’ arrivato dicembre, con le tanto attese festività natalizie, e quale miglior regalo di una Fiat 500 hybrid super fiammante? Beh, nulla da dire. Sarebbe bellissimo trovare sotto l’albero una fantastica Fiat 500, magari infiocchettata e con un bel biglietto d’auguri. Chi non lo vorrebbe.
Ebbene, ad Albino questa possibilità c’è. Merito dell’associazione dei commercianti “Le Botteghe di Albino” che, in stretta collaborazione con il Comune di Albino e il sostegno di gran parte dei commercianti della cittadina, lancia per il Natale 2021 una grande lotteria dal titolo “500 e più motivi per cui fare la spesa sarà una festa!”, un’iniziativa di grande richiamo commerciale, dalle forti matrici promozionali, che punta a rilanciare il tessuto commerciale che opera ad Albino e nelle sue frazioni, ricco di negozi e realtà commerciali, aprendo il mondo dello shopping alla comunità.
Una lotteria a premi di ampia portata, per certi versi innovativa, in grado di dare “ossigeno” e nuova linfa agli operatori, in particolare quelli colpiti pesantemente dalle chiusure durante la pandemia, ravvivando e vivacizzando al tempo stesso l’intera rete commerciale della città. Infatti, i fondi Covid-19 provenienti dal Governo centrale non vengono distribuiti a pioggia ai commercianti, erogando mini-contributi di poche centinaia di euro a ciascuna attività, ma vanno a formare un “tesoretto” con il quale si acquistano, per poi andare a distribuire, premi e buoni spesa.
La lotteria, ampiamente pubblicizzata sui canali social, sul sito del Comune di Albino e sui mass media locali, ha preso il via lo scorso 1° dicembre, e si concluderà con il botto, il 31 dicembre.
Il regolamento prevede che ciascun esercizio commerciale convenzionato riceva dagli organizzatori 200 biglietti, da omaggiare ai propri clienti ad ogni acquisto (sarà il singolo negoziante a decidere a chi dare i biglietti o se introdurre un limite di spesa per accedere al biglietto): ciascun biglietto, che ha un chiaro richiamo al pittore albinese Giovan Battista Moroni, quale segno di partecipazione ai festeggiamenti per i 500 anni dalla sua nascita, consentirà di concorrere all’estrazione finale della lotteria. In palio, per la precisione, 503 premi: detto dell’ambitissima FIAT 500 ibrida, il secondo premio è una bicicletta elettrica, mentre il terzo è uno smartphone; a seguire, altrettanto invitanti e appetibili, 100 buoni acquisto da 100 euro, 200 buoni acquisto da 50 euro e altrettanti 200 buoni acquisto 25 euro, tutti da spendere nelle attività commerciali di Albino. Attenti bene, in tutti i negozi, anche in quelli diversi da dove si è fatto la spesa.
“Ad aderire all’iniziativa sono stati 140 esercizi commerciali, un bel record per Albino – afferma la presidente de “Le Botteghe di Albino” Elena Berera – Negli anni scorsi, la partecipazione era molto più ridotta, non si arrivava a superare le 70 adesioni. Il successo di questa iniziativa sta proprio nei numeri, siamo al 50% di tutti gli esercizi commerciali che operano in Albino. E con grande piacere hanno aderito anche esercizi commerciali presenti nella Valle del Lujo e nelle frazioni, come a Bondo Petello e Comenduno, più lontani dal centro storico. Certo, non si capisce come mai l’altro 50% non abbia aderito: forse non hanno capito il meccanismo di questa lotteria, che non costa nulla per i commercianti, è a costo zero; per di più, è uno strumento strategico, che va a vivacizzare il passeggio, a ravvivare lo shopping, a stimolare i clienti ad entrare nei negozi per fare la spesa. Ai commercianti, peraltro, un pacchetto di 200 biglietti della lotteria, gratuiti, da regalare ai clienti. Se non è una grande opportunità questa…”.
C’è solo una regola: a ricevere i 200 biglietti della lotteria sono soltanto quelle attività che, durante l’emergenza sanitaria da Covid-19, sono state costrette a chiudere i battenti: quindi, bar, ristoranti, palestre, centri fitness, parrucchiere e barbieri, negozi di abbigliamento e calzature, estetiste,… Invece, tutti i negozi e le imprese commerciali rimaste aperte durante la prima ondata di pandemia, cioè alimentari, cartolerie, edicole, farmacie,… partecipano ugualmente alla lotteria, ma hanno acquistato i biglietti al prezzo simbolico di 20 centesimi l’uno.
“Fin da subito, abbiamo sposato l’idea dell’amministrazione comunale di una super lotteria che sostenesse veramente, in modo concreto, i commercianti – afferma la presidente de “Le Botteghe di Albino” Elena Berera – Il tessuto commerciale di Albino è ricco e variegato, forte di quasi 300 unità, la maggior parte dei quali, dopo mesi di chiusure e limitazioni connesse all’emergenza sanitaria, ma anche di spese extra sostenute per ritornare ad operare in sicurezza, sta pian piano ripartendo, seppur in sordina, e rivedendo la luce di una certa normalità; ma se anche la macchina commerciale si è rimessa in moto, la tanto attesa ripresa non va a toccare tutti i commercianti e non allo stesso modo. Ci sono negozi e attività che stanno ancora boccheggiando, vivendo in grande sofferenza; e per giunta c’è anche una serie di esercizi che non hanno più riaperto, dopo la dura fase del lockdown. Se i fondi statali Covid-19 fossero stati distribuiti a pioggia alle oltre 1.000 imprese albinesi, queste avrebbero ricevuto un contributo minimo, di poche centinaia di euro a testa, certamente non determinante. Ecco, perché abbiamo fin da subito abbiamo sostenuto l’idea lanciata dal Comune, peraltro accolta con favore da Ascom, che dà un aiuto concreto al nostro settore, rilanciando il commercio locale, incentivando i clienti a scegliere i punti-vendita e le attività di Albino, almeno quelli aderenti all’iniziativa”.
Allora, forza! Tutti a far shopping per Natale, nei negozi di Albino, fino al 31 dicembre. In regalo, fantastici biglietti della lotteria.

Ti.Pi.